Entra nel Programma di Prevenzione dell'Osteoartrosi

L’osteoartrite cronica (OA), detta anche osteoartrosi o malattia articolare degenerativa, è la patologia muscoloscheletrica cronica più comunemente osservata nel cane. Nonostante sia tradizionalmente considerata una malattia del cane anziano, in realtà nella maggior parte dei casi ha un esordio precoce per poi evolvere nel tempo. Il dolore costituisce l’elemento portante della sintomatologia associata all’OA ed è determinato dal processo infiammatorio cronico e dalle alterazioni strutturali dell’articolazione.
Ecco perché, seguendo anche le raccomandazioni degli specialisti, è importante cambiare l’approccio alla patologia e guardarla sotto una nuova prospettiva per poterla gestire al meglio ed ottenere i migliori risultati terapeutici.

Se vuoi saperne di più sull'osteoartrosi leggi il nostro articolo su questo blog

 
Guarda, per facilitarti nella gestione di questa patologia sottovalutata abbiamo creato un programma speciale. Ci teniamo a curare i dettagli, se sei già nostro cliente  puoi entrare nel programma ad un prezzo scontato. 
 

Come funziona il Programma di prevenzione?

Il programma prevede 2 visite all'anno (ogni 6 mesi) seguendo il metodo COAST utile a stadiare e monitorare l'evoluzione dell'osteoartrosi canina. 
2 volte all'anno:
- Compilazione del questionario per proprietari 


- Visita ortopedica veterinaria


- Compilazione del COAST da parte del veterinario 


- Esecuzione delle Radiografie di controllo per le articolazioni colpite


- Consulto con una veterinaria specializzata in Fisiatria e Fisioterapia veterinaria, in caso di artrosi grave

 

ECCO L'OCCASIONE

Essendo nostro cliente hai la possibilità di entrare nel programma che prevede:


- Compilazione del questionario per proprietari 


- Visita ortopedica veterinaria completa


- Compilazione del COAST da parte del veterinario

 
- Radiografie delle articolazioni colpite


- Stadiazione dell'osteoartrosi


- Consulto con una veterinaria specializzata in Fisiatria e Fisioterapia veterinaria 

Il prezzo del programma è di 70 euro anziché 130 euro.
Le radiografie e le eventuali procedure di sedazione per eseguire proiezioni radiografiche particolari saranno scontate del 20%

E se sottoscrivi un Piano Sanitario Annuale il Programma di Prevenzione e Gestione dell'osteoartrosi è incluso. 

Iscriviti al programma

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

29-12-2019
L’osteoartrite cronica del cane e il dolore

L’osteoartrite cronica (OA), detta anche osteoartrosi o malattia articolare degenerativa, è la patologia muscoloscheletrica cronica più comunemente osservata nel cane. Nonostante sia tradizionalmente considerata una malattia del cane anziano, in realtà nella maggior parte dei casi ha un esordio precoce per poi evolvere nel tempo. Il dolore costituisce l’elemento portante della sintomatologia associata all’OA ed è determinato dal processo infiammatorio cronico e dalle alterazioni strutturali dell’articolazione.
Ecco perché, seguendo anche le raccomandazioni degli specialisti, è importante cambiare l’approccio alla patologia e guardarla sotto una nuova prospettiva per poterla gestire al meglio ed ottenere i migliori risultati terapeutici.

La diagnosi

 

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

22-12-2019
Artrosi e dolore articolare

Cosa sono i problemi di mobilità?

‘Problemi di mobilità’ è un’espressione generica che si riferisce alle alterazioni delle articolazioni

causate dalla normale o anormale usura. Tali alterazioni si manifestano quando la cartilagine si

deteriora più rapidamente di quanto si rigeneri.

La cartilagine è il cuscinetto protettivo delle ossa. Quando si deteriora, le articolazioni si

irrigidiscono, la mobilità diminuisce e, progressivamente, si sviluppano dolore e difficoltà di

movimento.

Sebbene i problemi di mobilità non siano curabili, è possibile ridurre la rigidità e rallentare la

progressione della patologia attraverso un’alimentazione speci ca. Intervenire il prima possibile è

fondamentale; in caso contrario la cartilagine continua a deteriorarsi e, nei casi più gravi, potrebbe

essere necessario intervenire chirurgicamente.

Riconoscere i segni dei problemi di mobilità

I problemi di mobilità possono avere gravi effetti sul benessere degli animali. Nei cani con

problemi di mobilità si nota immediatamente una maggiore difficoltà ad alzarsi, rigidità e riluttanza

a camminare e a correre.

I gatti invece riescono a mascherare il disagio più a lungo e potrebbero semplicemente diventare

meno attivi, riposare di più o saltare solamente da altezze ridotte.

Segni dei problemi di mobilità nei gatti

• Il gatto è meno attivo del solito

• Si apparta frequentemente

• È riluttante a saltare dalle o sulle superfici

• Utilizza la lettiera con minore regolarità

• Cammina rigidamente e può persino zoppicare

Segni dei problemi di mobilità nei cani

• Il cane è irrigidito, specialmente dopo il riposo

• Esita a salire e scendere le scale

• Si attarda o si stanca facilmente durante le passeggiate

• Preferisce sdraiarsi piuttosto che stare seduto o in piedi

• Si lamenta o ringhia se toccato sulle articolazioni

Quali sono le cause dei problemi di mobilità?

I fattori che contribuiscono sono:

Età

Con l’avanzare dell’età, la cartilagine articolare va incontro ad un deterioramento progressivo.

Sebbene i problemi di mobilità siano più frequenti nei cani e nei gatti anziani, anche gli animali

giovani possono soffrirne.

Razza

Alcune razze sono più predisposte a sviluppare problemi di mobilità. Nei cani quelle più “a rischio”

sono il Labrador Retriever, il Golden Retriever, il Pastore Tedesco e il Rottweiler. Nei gatti invece

tra le razze “a rischio” ci sono l’Himalayano, il Persiano e il Siamese.

Sovrappeso

Il sovrappeso causa uno sforzo eccessivo delle articolazioni e della cartilagine e aumenta il rischio

di problemi articolari.

Possibili cause

Difetti congeniti o ereditari

Alcune razze possono presentare patologie congenite o ereditarie che le rendono più predisposte

a sviluppare problemi di mobilità in futuro.

Incidenti o traumi

I traumi alla cartilagine possono causare nel tempo problemi di mobilità e incidere negativamente

sulla stessa.

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

4-10-2018
CURA INNOVATIVA PER L'ARTROSI

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

8-9-2018