Cistite del gatto? Tutta colpa dello stress

Cistite del gatto? Tutta colpa dello stress

È ormai largamente diffusa la convinzione che la cistite del gatto sia un’anomala risposta allo stress, da correggere con misure combinate, ambientali e nutrizionali.

Cistite del gatto? Tutta colpa dello stress

Urinazione inappropriata e dolorosa, ematuria, perdita di appetito, apatia. Tutti sintomi che polarizzano l’attenzione sulla vescica dei nostri gatti, ma che in realtà sono da ascrivere ad una risposta generalizzata delle nostre “tigri” domestiche allo stress.

 

È in sintesi quello che si legge sulla rivista dei veterinari generalisti americani Vetted, che invita a considerare la cistite del gatto (FIC, Feline Interstitial Cystitis) come “sindrome di Pandora”, paragonando la vescica al “mitico vaso” su cui si riversa l’ipereccitabilità nervosa scatenata da ambienti e situazioni poco favorevoli al profilo etologico e comportamentale del gatto.

 

Ripercussioni pratiche di questa visione allargata del problema “cistite”? Impostare la gestione del paziente felino gettando uno sguardo anche “al di fuori della vescica”, e, conseguentemente, adottare strategie multimodali, farmacologiche, nutraceutiche ed ambientali.

 

MEMO – richiama la divulgatrice scientifica Sarah Wooten – è l’acronimo che sta per “modifiche ambientali multimodali”, vale a dire un insieme ragionato di variazioni dell’ambiente di vita del gatto, attuate allo scopo di ridurre al minimo la probabilità di esporre l’animale a stimoli stressogeni…MEMO comprende norme educazionali rivolte al proprietario, arricchimenti ambientalidi vario genere, cambiamenti nella dieta e nella gestione della lettiera, controllo delle interazioni tra simili o con l’uomo.”
Cambiamo modo di gestire la cistite dei nostri gatti – esorta infine Wooten – dilatando lo sguardo anche al loro ambiente di vita ed impegnandoci ad arricchirlo di stimoli e renderlo il più possibile adatto al loro benessere.”

 

 

Wooten SJ. Unboxing feline interstitial cystitis. Vetted/dvm360.com. 2018:18-21

© 2018 Innovet

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

7-12-2018